Login
Informative
Organi del Consorzio
Cerca nel Sito
Powered By
E.S.I. s.a.s
Home News

PostHeaderIcon News

 

Come fatto anche lo scorso anno si sta procedendo alla sistemazione di alcuni tratti di strade, parte delle manutenzioni preventivate nel 2009 saranno eseguite in questi primi mesi del 2010.

In particolare si prevede di effettuare riparazioni del manto stradale nella via all’angolo di via L. da Vinci (tratto dove è sita la Central Box), nella  traversa di Via Righi (dove è posta la ditta Bravi Caffè), un tratto di Via Pontecorvo dove è presente un avvallamento della strada e un tratto di Via Righi.

 

 


Nel mese di dicembre molte aziende hanno ricevuto la richiesta di pagamento del “canone di occupazione suolo pubblico per l’anno 2004” applicato sugli accessi dei nostri edifici. 
Il Caimo, ritenendo tale canone non dovuto, si è prontamente attivato chiedendo all’amministrazione comunale, l’annullamento d’ufficio degli avvisi inviati e la sospensione degli atti di riscossione.
Il Comune in un incontro dello scorso gennaio sulla specifica questione, ha ribadito la debenza del suddetto canone.
Alla luce della posizione assunta dal Comune, il Caimo ha invitato i consorziati interessati a presentare ricorso presso il Giudice di Pace competente per territorio.
L’udienza per la discussione dei ricorsi presentati, è stata fissata per prossimo 9 giugno e sarà cura del Consorzio tenere informati i soci delle novità su tale questione.


Il giorno 09/06 c.a. si è tenuta presso il Giudice di Pace di Castelnuovo di Porto, l’udienza Caimo contro Apm in riferimento ai Passi Carrabili.All’udienza era presente come rappresentante del Consorzio oltre all’avv. Stramenga anche il Presidente Del Broccolo.
Il Giudice di Pace ha ascoltato sia il nostro legale che l’avvocato di controparte, ha raccolto tutta la documentazione fotografica e non presentata dai due legali ed ha accolto la richiesta dell’avvocato Stramenga di ascoltare due teste.
E’ stata fissata una seconda udienza per il mese di novembre.

Come sempre sarà nostra cura tenervi informati. 

 

 

Notevole è stato l’impegno del Consiglio su una questione che resta aperta da molto tempo, tutti noi abbiamo conoscenza delle vicissitudini riguardanti l’applicazione di tale tributo alle nostre aziende e di quanto accaduto alla gestione amministrativa della società comunale “Nuova Era .

Con la riassunzione da parte del Comune, del servizio gestione e riscossione TIA, si è immediatamente riaperto il confronto fra Caimo e Comune sul regolamento comunale di applicazione della tassa e sulle anomalie e lacune che a nostro avviso, sono presenti in tale regolamento, che penalizzano le nostre aziende in termini sia di modalità di applicazione della tariffa che di quantificazione delle superfici da assoggettare alla TIA.

Abbiamo formalmente presentato in un recente incontro, le nostre osservazioni e  concrete proposte volte ad una quantificazione equa delle tariffe da applicare e delle superfici da attrarre a tariffa TIA,  tenendo in debita considerazione la normativa vigente e i criteri di applicazione previsti dalla legge e della Sentenza della corte di Giustizia Europea n.254/08, esecutiva in tutti i Paesi dell’Unione relativa la non tassabilità degli e dei locali non utilizzati.

Attendiamo a breve, formale risposta dell’Amministrazione comunale della quale vi sarà data informativa appena in nostro possesso.  

 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 3